logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Zia Antonia sapeva di menta di Andrea Vitali (Malgradopoi)

Romanzo edito da Garzanti Libri nel 2011, il commento per Malgradopoi è di Bruno ElpisCome talvolta accade nei romanzi di Andrea Vitali (ne “La signorina Tecla Manzi”, ad esempio, tutto comincia con il furto di un oggetto apparentemente di nessun valore: un quadretto raffigurante il “Sacro Cuore di Gesù”), la trama si sviluppa da una situazione abbastanza assurda. In questo caso, si tratta di un indizio strano: lo sgradevole e inusuale odore d’aglio che pervade la camera della casa di riposo ove la vecchina è ricoverata.

Ad insospettirsi sono sia la suora superiora, sia il nipote Ernesto Cervicati.

Quanto a determinazione e fiuto, la madre superiora, che di nome fa Speranza, è un incrocio tra un mastino e un segugio e, con l’aiuto del dottor Aloisio Fastelli, intende andare a fondo e penetrare il segreto che si nasconde dietro all’ingiustificato odore che aleggia intorno all’Antonia.

La storia non solo corre: precipita, una pagina dietro l’altra, tra l’umorismo – a volte malinconico, quando si tratta di pennellare i sentimenti che accompagnano la senescenza - e i toni della parodia, quando si tratta di fotografare i ‘vizietti’ umani.

E veniamo a due profili della storia ... Zia Antonia sapeva di menta, Andrea Vitali

L'ultima estate di Pompei di Stefania De Prai Sidoretti

Stefania De Prai SidorettiGrazie all’amica Stefania De Prai Sidoretti ho fatto un tuffo nella letteratura per la gioventù, della quale principalmente si occupa questa autrice nella sua produzione letteraria.

Stefania mi chiama “Lupo Bruno”: mi ha conosciuto leggendo un mio racconto pseudo-fantasy (“Notti e luna”) nel quale parodiavo la letteratura sui licantropi, fingendomi io stesso uomo-lupo.

Di questa donna di grande cultura, la quarta di copertina dei suoi libri recita: “… è nata a Roma … vive in una casa nella campagna romana tra Canale Monterano e Manziana. Laureata in lettere moderne con indirizzo in storia dell’arte, lavora presso la Sovraintendenza ai beni culturali del comune di Roma. … Nella collana Aquiloni (ndr: delle Edizioni Il Rubino) … per i Classici, ha curato una riduzione e le relative schede didattiche de … I promessi sposi …

Per presentarla in modo meno formale, ho chiesto ad alcune sue amiche di parlarmi di lei. E leggete un po’ cosa mi hanno scritto ...

L'ultima estate di Pompei, Stefania De Prai Sidoretti

Zia Antonia sapeva di menta di Andrea Vitali (Qlibri)

“Da che se la ricordava, la zia aveva sempre avuto intorno a sé quell’orbitale profumato, frutto di chili e chili di caramelle e mentini succhiati nell’arco di una vita intera”.
Se, dunque, nella camera d’ospizio di zia Antonia, la madre superiora, suor Speranza, e il mite nipote Ernesto avvertono uno sgradevole odore d’aglio, qualcosa di strano deve essere successo!
Tanto più che la dolce ottuagenaria, l’Antonia del titolo, si trincera dietro a una caparbia volontà di rifiutare il cibo.
Nella costante alternanza tra l’aromatico profumo della menta e il nauseante odore dell’aglio, indagano sullo strano caso, con il principale intento di sottrarre l’anziana zia a una morte per inedia, suor Speranza, il fedele nipote Ernesto Cervicati, che per la zia ha sempre avuto grandi attenzioni e profondo rispetto, e il medico – immancabile nei romanzi di Votali - il dottor Aloisio Fastelli.
La pista dell’odore d’aglio conduce a due personaggi a dir poco sospetti ... http://www.qlibri.it/narrativa-italiana/romanzi/zia-antonia-sapeva-di-menta/

Il procuratore di Andrea Vitali (Malgradopoi)

Recensione di Bruno Elpis apparsa su Malgradopoi"Il procuratore”, uno dei primi romanzi di Andrea Vitali, si presenta così: copertina in bianco e nero, che raffigura il battello della “Navigazione Lariana”.

Nel romanzo, la scena iniziale vede l’arrivo sulla sponda di Bellano dell’Alessandro Volta, “il battello a elica più grande del lago, che attracca”. E’ il 1° novembre 1938. Sbarca un forestiero e al “Caffè dell’imbarcadero” incontra Deilde, una giovane donna che gli ricorda qualcuno.

In realtà il forestiero è Marco Perini, originario di Bellano, professione procuratore. No, non è una avvocato. Svolge un’attività di intermediazione del tutto particolare: procura donne alle case di tolleranza.

Attraverso il ricordo (Deilda ha gli stessi occhi di Zita, la prima prostituta che il procuratore ha incontrato) la narrazione torna al 1911: “Marco Perini non aveva ancora un lavoro. Era solo un droghiere predestinato …” In realtà, già da ragazzo, Marco ne combina di cotte e di crude. Poi, per un equivoco, viene creduto morto “per la patria in terra di Libia” e di questa notizia approfittano sia i genitori, che per vergogna desiderano nascondere il turpe commercio praticato dal figlio, sia il procuratore in persona, che intende proseguire indisturbato le sue fiorenti attività commerciali ... Il procuratore di Andrea Vitali, recensione su Malgradopoi