logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Il segreto di Ortelia di Andrea Vitali

Andrea VitaliLa storia, ambientata negli anni dal 1919 al 1940 in piena epoca fascista, narra quale sia l’imbarazzante “segreto” che Ortelia Selva custodisce e svela nelle ultime pagine del romanzo.

Il “di lei” padre, Amleto Selva, è l’ennesimo eroe uscito dalla “piuma d’oca” nelle mani di Andrea Vitali, che anche questa volta dipinge un uomo del popolo, un nullatenente garzone, intraprendente e vigoroso, che dal nulla – attraverso un matrimonio di convenienza con la timida,  scialba  e … frigida Cirene – si crea un proprio piccolo regno: quello della sua “bottega”. Dunque il protagonista è un macellaio, un esponente della piccolissima borghesia che, secondo molte analisi storiche, è stata parte essenziale della linfa che ha nutrito instaurazione e prosperità del regime.

E l’ascesa economica dell’Amleto (!) di Vitali procederebbe in progressione lineare, se non fosse che … lo stesso uomo, lungi dall’essere dilaniato dai dilemmi dell’omonimo eroe shakespeariano, è affetto da … satiriasi! ... http://www.i-libri.com/il-segreto-di-ortelia-di-andrea-vitali.html

Storie in sospeso, tributo a Agota Kristof

Ho chiesto all’amico Filippo Massaro, un’anticipazione della rappresentazione che nel fine settimana, a partire da venerdì (“Thank God it’s friday!”, mi viene da esclamare dopo una settimana impegnativa quanto basta), potrà costituire un appuntamento per amanti della cultura e del teatro.

Ecco cosa mi ha scritto Filippo, filosofo che nutre un grande amore per il teatro e … per i giochi: “Storie in sospeso, a volte senza una fine, a volte senza nemmeno un inizio. Storie che non si sfiorano nemmeno. Storie surreali, grottesche, violente, umoristiche, truci. La compagnia Teatro Probabile quest'anno presenta un tributo ad Agota Kristof, recentemente scomparsa. L'autrice si presta benissimo alle drammaturgie di Michele Giurola, che abilmente taglia, incolla, sfila e ricuce i testi dell'autrice, attentissimo alle dinamiche estetiche della propria compagnia e in ugual misura  fedele all'autrice. Ne esce uno spettacolo episodico: sei scene distinte, modulari, intercambiabili, che nell'insieme rappresentano il mondo surreale della Kristof.”

Questi invece sono i dettagli di uno spettacolo che si annuncia decisamente interessante:

Venerdì 27 Gennaio e Sabato 28 Gennaio 2012 ore 21.00
Isolacasateatro - Via J. Dal Verme 16 Milano, 1° piano
(Zona Isola-Garibaldi: MM2 fermata Garibaldi oppure MM3 fermata Zara)
CTP Compagnia Teatro Probabile, Storie in sospeso”
Liberamente tratto da “La vendetta” di A. Kristoff - Drammaturgia e regia di Michele Giurola. Con Alessandra Gianotti, Andrea Di Blasi, Silvia Bernardi, Filippo Massaro, Miriam Bonifazi, Mattia Franco, Sara D’Ascanio -  Ingresso 5€ + Tessera Isolacasateatro 5€
Per prenotazioni: Tel. 02 4699490
Teatropobabile.wodpress.com
www.isolacasateatro.org
Tra gli spettatori, naturalmente ci sarà …

... Bruno Elpis

http://www.malgradopoi.it/teatro/teatro-storie-in-sospeso-tributo-a-agota-kristof

Lo spirito del mio tempo di Igor Lampis

Nella prima parte del romanzo, Igor dissemina le pagine di preoccupanti indizi, conferendo alla storia la stessa quiete apparente che può aleggiare sopra a un campo minato.

Giorgio, il protagonista, è un uomo-modello: una bella casa, un buon lavoro, un matrimonio felice, una moglie – Diana - della quale è perdutamente innamorato, un neonato che giunge a coronare i suoi sogni di vita familiare realizzata, un ottimo amico – Tony – che viene ad abitare vicino a lui, fiducia nel prossimo e nelle istituzioni, e chi più ne ha, più ne metta …
Tuttavia, già da questa pletora di condizioni ideali e idilliache, il lettore si sente turbato e alza le antenne della propria ricettività. Perché il mare è troppo calmo e, si sa, è anche un topos della letteratura, ogni quiete che si rispetti precede sempre una tempesta. Anzi, a volte, un uragano.
Primo segnale: l’esplosione di un intero palazzo, con relativa strage di vite umane ...

Lo spirito del mio tempo di Igor Lampis, leggi il commento

Ricucire la vita di Ugo Ricciarelli (Qlibri)

Commento di Bruno ElpisUgo Riccarelli, autore che ha vinto il premio Strega nel 2004 con “Il dolore perfetto”, dimostra con un romanzo-saggio di grande interesse umano come sia possibile “Ricucire la vita”.
Il testo è dedicato all’ISMETT di Palermo, centro specializzato in trapiantologia (e non soltanto), che costituisce un centro di eccellenza chirurgica e scientifica nel difficile tessuto socio-economico della nostra splendida Sicilia.
L’autore si era già occupato della sua personale esperienza, di doppio trapianto di cuore e polmoni, nell’opera “Le scarpe appese al cuore” e, quasi suo malgrado, decide di riprendere il tema del dramma umano, esistenziale e sanitario che i trapiantati devono vivere: “La strada che mi ha portato alla malattia e poi alla guarigione, e infine alla lotta per mantenere la salute così faticosamente raggiunta, è una strada complessa, a suo modo esaltante e terribile insieme, una cosa con la quale convivo tuttora e che, forse proprio per questa sua attualità, mi ha sempre tenuto un po’ distante dagli inviti a darne pubblicità, a raccontarne le tappe …. come spesso capita ai reduci …”
Il centro ISMETT nasce da una partnership internazionale con l’UPMC, centro all’avanguardia di Pittsburgh, Pennsylvania ... http://www.qlibri.it/saggistica/salute-e-benessere/ricucire-la-vita/