logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Una mutevole verità di Gianrico Carofiglio (qlibri)

coverPerché quel disagio? 

Tutto sembra facile: ma Una mutevole verità è in agguato in questo romanzo breve di Gianrico Carofiglio

La vittima è un odioso usuraio, c’è un testimone oculare attendibile e tutto sembra congiurare contro il ragazzo incriminato.
“E allora perché quel disagio. Perché quella sensazione indistinta? Come una parola che hai sulla lingua.” 

Se lo chiede il maresciallo Fenoglio che, in preda ai dubbi (“Si ricordò di aver letto che la credibilità di un teste è influenzata dal suo aspetto fisico…”), non si arrende di fronte a una soluzione troppo semplice (“Mi sembra tutto troppo perfetto”).
Finché l’esercizio del dubbio (“È sicura che il ragazzo sia entrato dal lato del passeggero?”) e l’analisi razionale disinnescano le mine del pregiudizio (“Alcune cose ci sfuggono perché sono così impercettibili che le trascuriamo. Ma altre non le vediamo proprio perché sono enormi”). 

Leggi tutto: Una mutevole verità di Gianrico Carofiglio (qlibri)

L’estate fredda di Gianrico Carofiglio (qlibri)

coverGuardie e ladri 

Bari è dilaniata dalle faide, che culminano nel tragico rapimento del figlioletto di una capocosca.
Il rivale, sospettato come responsabile del rapimento, si consegna alle autorità per tutelare la propria vita e collabora con la giustizia (“Un nome all’operazione… Estate fredda”). Mentre la confessione viene verbalizzata, giunge la notizia di un evento terribile (“A Palermo… Pare che Falcone e la moglie li stiano portando in ospedale”). 

Per il maresciallo Fenoglio sono tutte occasioni per riflettere sulla sua etica (“Non mentire a se stessi… non farne un fatto personale… non affezionarsi alle proprie congetture, non abusare del proprio potere”) e per disinnescare il reato dei sequestri lampo (“In realtà nessuno di quelli che hanno subito i sequestri brevi ha mai denunciato”). 

Leggi tutto: L’estate fredda di Gianrico Carofiglio (qlibri)

La biblioteca segreta di Leonardo di Francesco Fioretti (qlibri)

coverLo spiritus mundi desidera tornare al principio 

Nella Milano di Ludovico il Moro, Leonardo si appresta ad affrescare l’Ultima cena (“Giacomo minore… somiglia molto a Leonardo stesso, accanto a Bartolomeo, in piedi sull’estremità sinistra della scena, che somigliava molto al Bramante”). Assistito da un garzone bugiardo (“Gian Giacomo rubava tutto ciò che poteva”), l’artista si concentra sulla matematica come chiave di lettura della realtà (“Lo spiritus mundi desidera sempre tornare al suo principio”) alla ricerca della divina proporzione che viene rappresentata nell’uomo di Vitruvio. 

L’incontro con il matematico francescano Luca Pacioli e un misterioso delitto spingono Leonardo a ricercare preziosi e antichi libri trafugati, che promettono di attenuare la sete di sapere che caratterizza il grande artista.

Leggi tutto: La biblioteca segreta di Leonardo di Francesco Fioretti (qlibri)

L’amore bugiardo di Gillian Flynn (i-libri)

coverPensieri rapidi e frenetici come scolopendre 

L’amore bugiardo di Gillian Flynn è ambientato sulle rive del Mississipi, tra Carthage e Hannibal, insomma proprio nei luoghi che diedero i natali a Mark Twain. 

Con doppia narrazione condotta dal marito Nick e dalla moglie Amy, che sparisce il giorno dell’anniversario delle nozze e diventa una caso social-nazional-popolare, il romanzo si prefigge di smascherare le ipocrisie di un rapporto naufragato tanto per l’infedeltà (“Mi è squillato il cellulare usa e getta”) e la superficialità di lui (“Forse ti senti in colpa ad avermi portata qui… ma il nostro posto è questo”), quanto per il machiavellismo (“Il suo cervello, con tutte quelle circonvoluzioni, e i suoi pensieri che fanno avanti e indietro rapidi e frenetici come scolopendre”) e il puntiglioso desiderio di vendetta di lei (“Lei sospira e apre il taccuino mentale in cui trascrive ogni mia deficienza, fragilità, manchevolezza”). 

Leggi tutto: L’amore bugiardo di Gillian Flynn (i-libri)