logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Peccato originale di Gianluigi Nuzzi (qlibri)

coverL’unica banca offshore nel centro di Roma 

La prefazione (Papa Francesco e le sette domande) di Peccato originale pone sette domande, alle quali tenta di rispondere Gianluigi Nuzzi nelle tre parti del saggio-inchiesta che tanto scalpore ha prodotto (principalmente per la parte terza). I titoli delle tre sezioni corrispondono a pulsioni allitterate da tre esse: Sangue – Soldi – Sesso.

La prima parte (Sangue) ha i toni del romanzo giallo e verte su due grandi misteri vaticani: la morte di papa Luciani e la scomparsa di Emanuela Orlandi. È forse la parte più avvincente, si snoda tra rivelazioni e passaggi critici che delineano la teoria dell’autore su ciascuno dei due eventi misteriosi e tragici.

La seconda parte (Soldi) è un’inchiesta documentata e argomentata sui principali scandali economici degli ultimi decenni, che vedono la banca vaticana (“Benvenuti allo Ior, l’unica banca offshore nel centro di Roma”) in pole position nella black list delle bad bank, e scusate i tre inglesismi! Queste pagine inducono una constatazione: sì, i mercanti occupano ancora il tempio!

Leggi tutto: Peccato originale di Gianluigi Nuzzi (qlibri)

Tre donne di Dacia Maraini (qlibri)

Un’attrice che fa l’infermiera? 

Le Tre donne di Dacia Maraini sonoGesuina, Maria e Lori: sull’asse di un rapporto familiare di discendenza diretta  s’infilano tre generazioni e tre momenti dello sviluppo evolutivo della donna. 

Gesuina – che non vuole rinunciare alla propria vitalità (“E io ho l’età che mi sento: trent’anni appena fatti…”) - sembra rappresentare l’energia più autentica, nonostante sia (o forse proprio perché è) la nonna: nel momento di difficoltà consiglia alla nipote di non mentire, sostiene economicamente la famiglia (“Un’attrice che fa l’infermiera?”), non rinuncia alla speranza. 

Leggi tutto: Tre donne di Dacia Maraini (qlibri)

Tre donne di Dacia Maraini (i-libri)

coverTre donne di Dacia Maraini – Gesuina, Maria e Lori rappresentano tre generazioni e tre punti di vista, forse anche tre fasi dell’evoluzione esistenziale della donna. 

Sessantenne che intende gustare ancora i piaceri della vita (“Ti rendi conto che quello è un ragazzo, ha la mia età e tu potresti essere sua nonna!”) e non disdegna di affacciarsi al nuovo mondo social, con i suoi miraggi e le sue degenerazioni, Gesuina ha un passato di attrice (“Finché sono viva mi voglio divertire, Come Mirandolina?”) e un presente d’infermiera a domicilio (“Devo mantenere la mia fama di regina della siringa”). 

Quarantenne che apprezza la cultura e sogna l’amore vero (“Molto più soddisfacente sognare attraverso le parole scritte che attraverso una macchina diabolica che sembra avvicinare le persone nel momento stesso in cui le allontana”), Maria vive di traduzioni (“Flaubert mi fa dannare. Perché ha detto Emma Bovary sono io, se poi la bistratta, la disprezza, la considera una nemica?”) e coltiva un sentimento puro per un transalpino. 

Leggi tutto: Tre donne di Dacia Maraini (i-libri)

Il ragazzo selvatico di Paolo Cognetti (qlibri)

coverCome Robinson 

Il ragazzo selvatico sembrerebbe essere lo stesso Paolo Cognetti. In ogni caso è un uomo che, varcata la soglia dei trent’anni, è ancora alla ricerca di se stesso. Per ritrovarsi, si isola in una baita di montagna e si vota alla solitudine (“Ero io la popolazione. Come Robinson sull’isola deserta potevo proclamare a voce alta: Sono io il monarca di tutto ciò che vedo…. Rappresentavo, allo stesso tempo, l’abitante più in vista e quello caduto in rovina…”). 

Le frequentazioni umane sono limitate a qualche montanaro, ai due ragazzi del rifugio, agli avventizi che si avventurano da turisti in montagna (“Andrea li chiamava gli effimeri”), ai maledetti cacciatori…
Più frequenti sono gli incontri con gli animali: volatili (“Rigoni Stern classificava le nevicate tardive: neve della rondine a marzo, neve del cuculo ad aprile, e l’ultima per lui era la neve della quaglia”) dall’innocuo fringuello alpino alla maestosa aquila, marmotte, volpi, camosci e stambecchi (gli stambecchi… “non sono prudenti come i camosci, non vengono cacciati ormai da un secolo e hanno smesso di temere l’uomo”).
Nella solitudine della baita, c’è spazio e tempo anche per la lettura di Primo Levi e la poesia di Antonia Pozzi. 

Leggi tutto: Il ragazzo selvatico di Paolo Cognetti (qlibri)