logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Come in una tomba di James Purdy (qlibri)

È triste, sì, quello che vedo 

Garnet Montrose è un reduce orribilmente sfigurato in un’operazione militare (“Nell’oscurità e alla flebile luce, qualche volta mi guardo in un catino d’acqua, ed è triste, sì, quello che vedo…”). 

Garnet vive in una condizione limite (“A me era stato concesso di vivere ma sotto le sembianze di una creatura venuta dall’altro mondo”) nella casa di proprietà ove – non senza difficoltà per via dell’aspetto ripugnante - ingaggia due assistenti (“Tutto quello che ho sono le lettere, i ragazzi che assumo, e la sala da ballo, e niente di tutto ciò è reale”): il nero Quintus, incaricato di leggergli storie (“La storia di John Brown”) e il fuggiasco Daventry, incaricato di consegnare lettere d’amore (“Avevo cominciato a dettare la mia lettera per la vedova Rance”) alla vedova Georgina Rance. 

Ben presto i legami s’intensificano, i ruoli si ribaltano (“Sono rimasto in una vecchia sala da ballo deserta e fatiscente”) e – in un finale spettrale e tempestoso – l’uragano si abbatte sulla Virginia e sui protagonisti di una storia che alterna toni ossianici, capovolgimenti di relazioni, squarci metafisici e visioni. 

Leggi tutto: Come in una tomba di James Purdy (qlibri)

Non chiamarmi col mio nome di James Purdy (qlibri)

coverSei tu che hai ordinato Fenton 

Non chiamarmi col mio nome di James Purdy è una raccolta di racconti con un tema dominante: quello dell’inquietudine e dell’incapacità di interpretare e definire un disagio spesso sottaciuto e che non si manifesta in forma esplicita. 

La raccolta culmina nel racconto lungo intitolato “63: Palazzo del sogno”, una storia complessa ove realtà, sogno e morte si fondono. 

In un parco equivoco (“Qui gli uomini che venivano a vagare brancolando senza meta come lui erano ovviamente ombre dell’inferno”) lo scrittore Parkhearst – sempre a caccia di storie – arruola Fenton e lo conduce al cospetto della Granger, “la grandonna” (“Sei tu che hai ordinato Fenton”), una ricca signora che vive nel rimpianto dell’ex marito, Russell (“Pensavi che mi avrebbe ricordato Russel?”). 

Leggi tutto: Non chiamarmi col mio nome di James Purdy (qlibri)

Dracula ed io di Gianluca Morozzi (qlibri)

coverQuella settimana di placenta e di sangue 

Dracula ed io di Gianluca Morozzi è un divertente esperimento che contamina la leggenda del Vampiro (“Il modo in cui tenete calato il cappello, per ripararvi il viso dai raggi del sole. Il modo in cui vi piegate verso l’ombra come fanno certi fiori verso il sole. La conformazione della vostra mascella”), sempiterno e dotato di poteri (“Butterfly si era tramutato in nebbia”) con l’ambientazione bolognese. 

Vlad – vampiro irrituale - sfida a scacchi, in un’osteria bolognese e a distanza di secoli, l’ambivalente Indaco. In uno di questi appuntamenti, incrocia le vite degli sgangherati condomini di un palazzo maledetto, anch’essi frequentatori della bettola. 

Intanto Bologna è attraversata da numerosi omicidi (“Quella settimana di placenta e di sangue”) e dalla campagna elettorale di Valerio Breda, aspirante sindaco e aspirante vampiro (“Ho fatto una collezione di narcisi, di vampiri emotivi, di vampiri psichici…”)… 

Leggi tutto: Dracula ed io di Gianluca Morozzi (qlibri)

Io so chi sei di Paola Barbato (qlibri)

coverGli alberi troppo dritti finiscono dentro alle aiuole 

Il romanzo è costruito sulla tensione psicologica indotta da un misterioso stalker che – attraverso un cellulare recapitato nella cassetta postale di Lena – induce nella vittima l’illusione che Saverio, l’amante scomparso nell’Arno in preda ai fumi dell’alcol o della droga, sia ancora in vita (“C’è qualcuno che ti provi, che ti abbia mai provato che sia davvero lui?”). 

Da quel momento, tutte le azioni di Lena sono dettate dalla sudditanza psicologica (“Ma la regola era una sola: lui comandava e lei ubbidiva”), dalla paura (“Aveva l’odore della paura addosso, nel respiro, nei capelli, sulla pelle, ed era un odore onesto, quasi buono, preferibile a tanti falsi odori…”), dal desiderio di ritrovare in vita la persona amata (“Faccio quello che vuoi se mi dimostri che è vivo”), che - detto tra di noi - ha un profilo odioso e insopportabile nel passato della protagonista. 

Leggi tutto: Io so chi sei di Paola Barbato (qlibri)