logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le recensioni di Bruno Elpis

Raul Montanari

L'autore de L'esordiente è stato intervistato da Bruno ElpisRaul Montanari

Quando un autore ci appassiona, ne leggiamo con voracità l’intera produzione o gran parte di essa. Così ho fatto ai tempi del liceo con Italo Svevo e Luigi Pirandello, così qualche anno dopo, da universitario, mi sono buttato a capofitto nella lettura delle opere di Alberto Moravia. In epoca più recente mi ha molto coinvolto (per motivi differenti) la lettura delle opere di due autori contemporanei assai diversi tra di loro: Guillaume Mousso e Raul Montanari. Ed è di quest’ultimo che voglio parlare in questo mio articolo. Ho conosciuto Raul Montanari leggendo “La perfezione” (premio Linea d’Ombra 1995), il romanzo breve che l’ha consegnato alle glorie letterarie come autore capace di ricreare “i climi estremi e feroci del grande cinema noir americano”. Una storia gelida che ... Raul Montanari

Le recensioni di Bruno - Occhi gialli - neri di Paola B. Rossini

Metti che una sera, tu giovane donna, rischi uno stupro.
Ipotizza di scampare all’atto infame grazie all’intervento di un lupo (?) dagli occhi gialli e neri. Gli stessi occhi del titolo.
Supponi, poi, di cominciare a frequentarlo, questo lupo, che forse è un demone.
Immagina che gli incontri si intensifichino e divengano sempre più coinvolgenti.
Ecco, a quel punto ti chiedi, inevitabilmente: “Ma chi sono realmente io – un angelo o una strega? – se ho la forza di incatenare a me uno spirito del male che da secoli si trastulla tra carneficine, sabba, rituali celtici alla Avalon o alla Albion e incontri con Mefisto o con l’arcangelo Michele …"

Aggiungi infine che una sera il demone (o il lupo? O entrambi fusi in un unico spirito?) ti conduca al Big Ben di Londra. Ma non per una visita turistica, bensì per un esperimento: ti ritrovi con lui sulla torre dell’orologio e poi lui, il demone, ti molla nel vuoto, da novanta metri. E tu precipiti. E lui ti guarda e vuol vedere se sei un angelo e sai salvarti con le ali, prima di sfracellarti al suolo. E tu, le ali non le hai!

 

Sono sufficienti questi elementi? La storia di Paola è davvero “pazzesca”. E lei – Paola Beatrice Rossini, non la protagonista Dafne che dobbiamo ancora capire se è un angelo o una strega, o peggio ancora né uno né l’altra, perché è un’umana – dissemina nella prima parte del libro una sequenza incalzante di ingredienti: quasi fossero le tessere di un mosaico o i pezzi di un puzzle, tutto da ricomporre. Con una serie di paragrafi che a volte sono solo flash in stile giornalistico. Salvo poi spostare la narrazione “al di fuori del tempo”.

 

Davvero un super fantasy, quello dell’autrice fiorentina: garbato, adeguato anche ai più giovani appassionati del genere, oltre che adatto a far sognare adulti oppressi da impegni lavorativi e in cerca di evasione.

 

Un fantasy sempre condotto sul filo del mistero, che si intreccia al romanticismo di fondo fino al déjà vu della chiusura di una storia che si avvita su se stessa.

 

Infine mi chiedo: ma il vero dramma, più che la definizione delle nature occulte che pullulano nella storia, non sarà quell’inquietante macchia nera che dilaga nel Golfo del Messico e che ha provocato in me un’ansia da catastrofe?

Pura vita di Andrea De Carlo

Le recenioni di Bruno Elpis, invito alla lettura del libro di Andrea De CarloUna copertina naif, disegni infantili di frutta, dolci, alimenti e bevande su fondo azzurro. Rispecchia lo stile in alcuni punti apparentemente puerile di De Carlo. E riproduce, per certi versi, i tratti psicologici e dialogici del protagonista: Giovanni, storiografo un po’ fuori dagli schemi, come molti degli eroi che l’autore ha creato nei suoi romanzi.
E’ la storia di un viaggio vacanza verso la Camargue, che Giovanni affronta con una giovane compagna, la cui identità viene svelata a romanzo inoltrato ...

Continua: Pura vita di Andrea De Carlo

I racconti di sangue e dell'acqua di Daniele Picciuti

Antologia di racconti di Andrea Picciuti, recensione di Bruno ElpisInizia ottobre, fa ancora caldo. L’estate non vuole abbandonarci. E’ domenica pomeriggio e decido di trascorrerla in uno dei modi a me cari: sul divano, con un libro tra le mani. Da lì vedo il mio giardino, che presto si popola delle creature che fuoriescono dalla raccolta de I racconti del sangue e dell’acqua  di Daniele Picciuti. A partire dalla copertina di Laura Platamone: una fanciulla, capelli al vento, mani incatenate, corpo di scoglio, manto di onde color sangue mescolato ad acqua … La prefazione – un racconto essa stessa - è di Danilo Arona, parla dei luoghi misteriosi e inesplorati di Daniele ...

Continua: I racconti del sangue e dell'acqua di daniele Picciuti