logotype
Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis Bruno Elpis

Le interviste di Bruno Elpis

Intervista a Gian Paolo Serino

Essere uno scrittore non lo considero un mestiere, ma un'esigenza

Foto: Credits Nino Saetti, www.ninosaettiphoto.it 

Prima di parlare del tuo romanzo “Quando cadono le stelle” accenniamo a qualche iniziativa che ti vede protagonista. Come procedono le tue collaborazioni radiofoniche?
La radio è un amore che ho da sempre. Prima come ascoltatore. La radio è un mezzo straordinario. Non è una tele-visione: puoi chiudere gli occhi e  immaginare quello che vuoi tu. L’amore per il microfono, che uso come un microfono d’inchiostro, lo devo a Flavia Cercato, una delle migliori voci della radio di oggi. Raramente capita di ascoltare una “voce” che riesce a ovattarti di candore e al contempo a farti aprire gli occhi sul mondo. Oggi anche la radio tende sempre più a essere “urlata”: secondo me la radio deve essere un sussurro al nostro io, senza però narcotizzarti. È Flavia Cercato che mi ha voluto, anni fa, a Radio Capital, insieme a Massimo Cotto, per la trasmissione della mattina “I Capitalisti”. Due anni splendidi in cui ho consigliato e sconsigliato molti libri. Ho cercato di parlare di libri a mio modo: in maniera rock, anche dissacrante, ma viva. Perché la letteratura -in radio, sui giornali, in televisione, sul web- deve  superare i confini della noia con cui viene sempre presentata. Per questo mi è piaciuta molto l’esperienza a R101 con la Gialappa’s Band: parlare di libri con Flavia e con Giorgio Gherarducci e Marco Santin è stata una grande esperienza.Anche perché avevo la sensazione di essere a “casa”: tra ironia e autoironia ma con competenza. 

Leggi tutto: Intervista a Gian Paolo Serino

Intervista a Carlo A. Martigli

D – Come si colloca “La scelta di Sigmund” rispetto alla tua precedente produzione letteraria di autore di romanzi storici?
R –  Alcuni anni fa, il periodo cinquecentesco era appannaggio di pochi, adesso è inflazionato, ed era giusto cambiare. Ambientare il romanzo nel 1903 è stata una sfida, ormai posso dire vincente. La Scelta di Sigmund è quindi un passo avanti, verso una scrittura più appassionata, più intrigante e anche più divertente. E i lettori di ogni età mi stanno dando ragione. 

D – Come si concilia questa tua veste di romanziere con quella dell’apprezzato autore di narrativa per ragazzi?
R – Alcuni grandi autori, come John Grisham, il maestro dei legal thriller, scrivono sia per adulti che per ragazzi. Non è facile ma qui si dimostra la padronanza della scrittura. E poi, è divertente duplicarsi.  

D – Quale delle due anime ti dà le migliori soddisfazioni?
R – Non ti saprei dire: sono due soddisfazioni diverse. Quando sento dire dai ragazzi che con me trovano la voglia di leggere mi si riempie il cuore, così come quando i miei lettori adulti mi dicono che trovano finalmente il piacere di leggere. 

Leggi tutto: Intervista a Carlo A. Martigli

Intervista a Daniela Frascati, autrice de “La passeggera”

Daniela Frascati

D – Com’è nata l’idea di questo romanzo (http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/)?
R – ? nata molto tempo fa; all’inizio mi interessava soprattutto lavorare attorno all’elemento irrazionale che nasce da ciò che non riusciamo a spiegarci, che genera paura e scatena il lato oscuro e irrazionale che è in noi. Poi i personaggi hanno preso spessore, donne e uomini che hanno portato la loro vita, il loro passato su quel piroscafo, intrecciando i loro destini con quel viaggio e quel luogo. È un romanzo che ho scritto nel corso di molto tempo, prendendolo e lasciandolo anche per altre storie. 

Leggi tutto: Intervista a Daniela Frascati, autrice de “La passeggera”

Intervista a Ferdinando Pastori

D – Ciao Ferdinando. “Rosso bastardo” (“Il rosso non mi piace… è un colore bastardo” http://www.i-libri.com/libri/rosso-bastardo/ ), “Nero imperfetto”… qual è il tuo colore preferito?
R – Proprio il nero, soprattutto quello imperfetto. Forse perché comprende tutte le tonalità dello spettro luminoso e il mio rapporto con i colori è di amore e odio. Non li distinguo bene, li confondo, ma non posso farne a meno. 

Leggi tutto: Intervista a Ferdinando Pastori